17. set, 2020

IL VENTO SELVAGGIO CHE PASSA di Richard Yates (507 pg)

Voto: 4 stelline 

Un libro che parte in sordina e poi piano piano diventa una bellissima epopea, una saga di famiglia ma non solo.

Accompagniamo i protagonisti dalla giovane età all’età adulta, trent’anni di vita, in parte insieme e in parte no.

La prima parte è dedicata alla coppia, Michael e Lucy, da quando si conoscono all’università, si innamorano, si sposano e hanno una bambina, Laura. Questa prima parte può essere a tratti noiosa, seppur ben descritta ogni pagina, sembra non accadere nulla di eclatante ai due protagonisti che appaiono quasi noioso.

Poi le loro strade si dividono e iniziamo a seguire prima Lucy, poi Michael e anche Laura, per un breve periodo.

Il personaggio di Lucy è il più affascinante, una donna che è fortunata, è benestante ma nonostante questo cerca una sua strada nella vita e non si arrende finché non la trova.

Anche Michael, alla fine, ci apparirà affascinante.

Un ragazzo e poi un uomo, sempre tormentato, mai soddisfatto veramente della propria vita anche quando pensa di aver raggiunto tutto.

Un ottimo romanzo.

Una frase bella del libro:

“Era bello camminare accanto a una donna così in gamba, coraggiosa e franca… una donna che sapeva dire quello che pensava quando ne aveva voglia, e che capiva il valore ritemprante del silenzio.”