23. set, 2019

MEMORIE DI ADRIANO di Marguerite Yourcenar (293 PG)

Voto : 1

So con questo voto di andare contro ogni critico letterario e le moltissime persone che lo hanno amato e me lo hanno consigliato ma io ho davvero fatto moltissima fatica a non abbandonarlo a metà strada e non l’ho fatto solo per principio  e  per il rispetto che ho per i libri, che mi porta a finirli sempre (tranne casi eclatanti).

L’ho trovato un monotono monologo, non ci sono personaggi con cui interagire, non mi è arrivata quell’onda emotiva che a molti ha dato.

Mi sono annoiata tantissimo e continuavo invece a pensare a un altro libro sulla falsa riga che invece ho amato moltissimo e che è stato Augustus di John Williams, anche questo romanzo scritto in forma epistolare ma con uno scambio di epistole da più personaggi da cui potevi conoscere Augusto da più prospettive. 

Qui non ci sono punti di vista ma un unico centro che si racconta da solo, monotono, lento, piatto.