30. mar, 2017

DOMANI NELLA BATTAGLIA PENSA A ME

Non conoscevo l'autore e me ne sono innamorata.

Ho trovato il modo in cui descrive le emozioni dei personaggi bellissime ed emotivamente molto coinvolgenti.

Toccante la descrizione dei pensieri di Marta poco prima di morire, quando sente la vita scivolare via e pensa alle piccole cose che lascerà, pensa a chi prenderà le sue creme , la sua gonna stropicciata .. il pensiero del figlio arriva solo all’ultimo istante come un flash.. sono pagine intense, di un’ emotività struggente perché non descrive l’arrivo della morta in modo patetico ma in modo semplice, come immagino potrebbe essere per ognuno di noi.

Ad un certo punto della narrazione l’autore si perde un po’ e io con lui… ho perso un po’ il filo del discorso , si allontana un po’ troppo dalla storia principale e si dilunga su argomenti poco interessanti .

Mi è piaciuto moltissimo tutto il delirio del protagonista che è convinto che la sua ex moglie sia diventata una prostituta e poi il finale mozzafiato, inaspettato, un vero colpo di scena, originalissimo e assurdo .

Però è vero , la vita è così ... una scelta giusta o sbagliata e la vita ti si capovolge.

Marias fa un lavoro fantastico sui personaggi...

Victor, il protagonista, all'inizio non ci fa una bella impressione ... lo troviamo in questa casa con una donna che sa essere sposata, il bambino piccolo nell’altra stanza non sembra avere tanti scrupoli per questa famiglia dove si sta insinuando e non sembra averne nemmeno quando non chiama aiuto per Marta morente, è vero lei non vuole essere lasciata sola ma lui capisce che sta morendo e non fa nulla, lascia addirittura il bambino di 2 anni  a casa da solo con la mamma morta, non chiama nessuno... va via cancellando le sue tracce,,, Ma poi alla fine si redime perché affronta con onore il marito, non si sottrae , non scappa davanti alla verità, anzi è lui a cercarla e a trovarla.

Anche Marta è un personaggio redento, all'inizio la pensiamo una donna frivola, facile, che ha più amanti e non si fa problemi a portarli in casa davanti al figlio ... invece poi scopriamo che Marta soffriva,,, aveva paura... magari sentiva sfuggirle la vita o il marito.

Chi invece non si redime è il marito Eduardo, anzi , da vittima diventa carnefice...

Non posso aggiungere molto perché non voglio svelare gli intrighi ma questo è un altro libro che consiglio vivamente.

Marias ha un modo di descrivere emozioni e situazioni di un’intensità davvero unica.